domenica 20 gennaio 2013

Tarte di pere e mandorle... per il nostro cuccioletto

Ho poco tempo per cucinare, ma, soprattutto, avevo poco tempo e poca concentrazione per scrivere, di me, di noi... Spero che le cose cambino (vorrei cambiare). Mi sono ripromessa di dedicarmi di più alle cose che mi piacciono e che mi fanno stare bene, perché suscitano in me delle emozioni positive, e mi fanno sentire in equilibrio, seppur instabile, con me stessa. Vorrei dare più spazio alle emozioni che sono la voce dell' anima... E farle emergere, senza soffocarle più... 

"La vita non è ricerca di esperienze, ma di se stessi. Scoperto il proprio strato fondamentale ci si accorge che esso combacia col proprio destino e si trova la pace".

Cesare Pavese. Il mestiere di vivere 

Il 2013 ci ha regalato una grande emozione: è arrivata Anita! 

E con lei la gioia, la sorpresa, la speranza, l'entusiasmo per ogni suo piccolo gesto quotidiano che è l'inizio di una nuova vita e che ci riporta indietro nel tempo, inevitabilmente, a ripercorrere il suo stesso cammino di bambina, ma che ci proietta anche in avanti, nel futuro, perché con lei, attraverso i suoi occhi, la sua voce, le sue emozioni, la nostra vita sarà densa di sorprese e nuove esperienze...


E per festeggiare la piccola Anni, futura AiutoCuoca di mamma e zia, sono ritornata ufficialmente foodblogger e ho preparato questa tarte con crumble di pasta frolla e mandorle. Soffice e quasi cremoso, il ripieno di pere, croccante e sbriciolosa fuori. Un contrasto davvero particolare e buonissimo. Provatela!
  

Tarte di pere e mandorle

Preparazione 20 minuti + riposo in frigorifero (30')
Cottura 40 minuti
Porzione 450 calorie

Ingredienti per 8 persone

Per la base: *180 g di farina *1 cucchiaino di lievito vanigliato in polvere * 1 uovo *1 tuorlo *30 g di zucchero (io ho usato quello di canna) *80 g di burro *sale
Per il ripieno: *4 pere Kaiser *40 g di mandorle in polvere (io ho usato la granella di pistacchi non salati) *1 limone *30 g di zucchero (io non l'ho messo, a dire il vero, l'ho dimenticato!)
Per le briciole: *90 g di farina *80 g di burro *80 g di zucchero di canna *80 g di mandorle con la buccia *zucchero a velo

1 Setacciate la farina con il lievito e trasferitela nel mixer con lo zucchero, un pizzico di sale e il burro a dadini; azionate l'apparecchio fino alla formazione di un composto a briciole. Unite l'uovo e il tuorlo e frullate fino ad ottenere una palla di pasta omogenea. Avvolgetela nella pellicola e fatela riposare in frigo 30 minuti.

2 Nel frattempo sbucciate le pere, tagliatele a metà, eliminate il torsolo, riducetele a fettine sottili e mescolatele con il succo del limone, lo zucchero, la scorza dell'arancia grattugiata e le mandorle in polvere. Riprendete la frolla e stendetela in una sfoglia dello spessore di 1/2 cm scarso; rivestite fondo e bordi di uno stampo da crostata di 22 cm di diametro con il fondo staccabile, bucherallate la pasta con una forchetta ed eliminate quella eccedente; riempite la base con le pere preparate e livellate la superficie.

3 Lavorate la farina con lo zucchero di canna e il burro tagliato a dadini fino ad ottenere un composto a briciole, unite le mandorle tritate grossolanamente e distribuite il composto sulle pere. Cuocete la torta nella parte bassa del forno caldo a 180ºC per circa 40 minuti, lasciatela intiepidire, trasferitela su una gratella per dolci e fatela raffreddare. Spolverizzatela con poco zucchero a velo e servite.

Tratto da Sale&Pepe, Gennaio 2013

1 commento:

  1. credo che proverò la tua ricetta per questa torta che sembra molto interessante..

    RispondiElimina

Lascia un'impronta passando di qui...

i più cucinati della settimana

Related Posts with Thumbnails

ipse dixit...

  • meglio un asino vivo che un dottore morto! (zia laura)
  • quel che non strangola... ingrassa! (zia laura)
  • non ti curar di lor, ma guarda e passa (dante alighieri)
  • the most important thing is to enjoy life - to be happy - that's all that matters (Audrey Hepburn)
  • ho imparato tante cose qui... non solo a cucinare, ma una ricetta molto più importante: ho imparato a vivere. Ho imparato ad essere qualcosa di questo mondo che ci circonda, senza stare lì in disparte a guardare... (dal film Sabrina)
  • ergastolo in vita! ai lavori "sforzati"! (zia laura)
  • "calandra" (cioè cassandra), verace sempre, creduta mai... (zia laura)
  • tutti i nodi vengono al petto (laura)

gocce di rugiada

  • one step at the time
  • siamo qua tre giorni con ieri l'altro
  • chi semina vento raccoglie tempesta
  • chi semina raccoglie
  • chi si ferma è perduto
  • tutto il mondo è paese
  • meglio soli che male accompagnati
  • meglio tardi che mai...
  • aiutati che il ciel t'aiuta
  • finché c'è vita c'è speranza
  • cuor contento ciel l'aiuta!
  • gratis et amore dei
  • via il dente, via il dolore!
  • chi si accontenta, gode!
  • sursum corda!